Massimiliano Filoni

MASSIMILIANO FILONI, Pistoia, 1971,  Attore e regista . Dopo la maturità classica nella sua città  si è trasferito a Bologna dove ha frequentato il DAMS laureandosi in storia dello spettacolo.

Nel 1990 ha cominciato a fare teatro. L’anno successivo ha incontrato il Teatro dell’Oppresso, il metodo elaborato dal regista brasiliano Augusto Boal, con il quale ha lavorato nel 1993 e ’94 a Lucca e a Bologna.

Ha fondato, nel 1992, con Roberto Mazzini, Giolli ( www.giollicoop.it), centro permanente di ricerca e di sperimentazione sui metodi Boal e Freire, oggi Cooperativa Sociale che ha la propria sede a Montechiarugolo ( PR ).

In questi anni ha utilizzato il teatro in contesti non tradizionalmente consacrati alla messa in scena: Centri di Salute Mentale, Carceri, Comunità di Recupero, Scuole.

Contemporaneamente si è dedicato alla scrittura e alla messa in scena di spettacoli di Narrazione.

Dal 2002 inizia il sodalizio con la musicista, attrice e burattinaia Vanja Buzzini, ex Modena City Ramblers, con cui  progetta e realizza spettacoli e laboratori rivolti ai bambini e agli adulti.

Il suo percorso si incentra sulla “Pedagogia dell’Errare”. Dice Filoni: << Il guaio è che la nostra cultura, la nostra società, ci addestrano alla competizione, ci stimolano, cioè, a rispondere con rapidità e precisione ad una serie di prove sulle quale verremo giudicati.

Ogni errore, ogni sbaglio, ogni dubbio o incertezza saranno sanzionati: segnati con il colore blu o con il colore rosso a seconda della maggiore o minore gravità del nostro errore.

Ma nel giudizio non vi è niente di pedagogico. Il giudizio è una artificiale, arbitraria scala

di valori, una classifica, un punteggio, che sta lì per misurare la capacità di adeguamento di un individuo alle regole e agli ordinamenti imposti dalla società. Non c’è in questo strumento, né nella sua applicazione, una considerazione, seppure minima, della complessità delle cose, della straordinaria e caleidoscopica essenza della persona; di come,dinamicamente e costantemente, una società si evolva e muti il proprio volto…. Una società che vuole essere viva, che vuole essere sana, dovrebbe essere una società capace, attraverso la cultura e le proprie istituzioni,  di  promuovere il talento, di incontrare, con coraggio e senza pregiudizi, le differenze e le devianze, l’imprevisto e l’imprevedibile e di trarre, da questi incontri, gli stimoli, le indicazioni, i suggerimenti necessari alla propria evoluzione.

A volte capita, giusto per collocare nel concreto questo terribile pistolotto, che certi nostri spettacoli, dal punto di vista del lessico e della grammatica del teatro, siano pieni di errori e di imprecisioni.

Ma per fortuna il teatro ( come la cultura, come la società ) è una lingua viva. La sua sintassi, la sua grammatica, le sue regole e le sue figure retoriche sanno trasformarsi; sono capaci di farsi strumenti di espressione adatti a forme e a contenuti nuovi e differenti.

Nel talento è contenuta l’opportunità di uscire dalle regole, dalle consuetudini, sono previsti l’incontro e la sperimentazione dell’errore.

Il talento di chi erra consiste proprio nell’abilità di presupporre e di sperimentare il cambiamento, la trasformazione.

Errare significa percorrere la soglia che separa il mondo così com’è  dal mondo che potrebbe essere. In questo errare, qui inteso tanto come vagabondare, viaggiare, quanto come sbagliare, risiede la possibilità di scoprire e di conoscere e quindi di scegliere>> .

 

 

Regie

Teatro per ragazzi:

-1992 Chi ha Rubato la Befana*

-1992 La Splendida Regina Cunegonda*

-1995 La Filastrocca

-1995  Dodicino e i Sette Fratelli d’Ingegno

-2003 Un Burattino Meraviglioso…*

-2004 Da migliaia di Anni i Fiori Mettono le Spine*

-2007 racconti di Alberi, ovvero le storie di Fanfaruke del Bosco*

-2008 Bal’occhi, ovvero lo spirito dei sogni*

-2008 Eni Meni Allumbeni*

Teatro di strada

-1995 Fun and Prejudice

-1996 Il Fuoco

 

Teatro –Forum

-1995 Mamma ti odio*

-1997 Titolo Provvisorio*

-1998 Il Compleanno*

-1999 I Desideri*

-2001 Appunti di viaggio*

-2002 Non so se è vero…

-2006 Le Briciole degli Angeli

-2007 Il Provino

-2008 Accompagnamoci

-2009 Sicurezza del lavoro o sicurezza sul lavoro

-2010 Satire di un povero Opulone

-2010 Teatro - Giornale

Teatro  e Scuola ((attori gli studenti, con la scuola Media Inferiore Dante Arfelli di Cesenatico)

-2000 Le Nozze di Siviglia

-2001 La Bisbetica Domata

-2002 Pinocchio

-2003 Arsenico e Vecchi Merletti

-2004 L’Isola del Tesoro

-2005 Cronache dell’Anno Mille

-2006 I Tre Moschettieri

-2007 Assassinio sull’Orient – Express

-2008 Sogno di Una Notte di Mezza Estate

-2009 Le Avventure di Robin Hood

-2010 I Promessi Sposi

 

 

 

Teatro di Narrazione

-1996 il Cappotto e la Parrucca*

-1997 La legge è la Legge*

-1998 Dopo i Tempi Supplementari*

-2002 Come un’Alluvione di Formiche*

-2004 …e la vita scorre come il Po*

-2005 Nella Pietra sta il Canto*

-2009 …E il Vento porta le Parole*

* spettacoli di  cui è anche interprete