PROGETTO VIVIEN

sul contrasto alla violenza di genere con particolare attenzione a quella contro donne con disabilità.

 

CONCLUSIONE DEL PROGETTO VIVIEN

 

01-11-2018 –- 31-01-2021

svolto in Italia, Croazia, Finlandia e Bulgaria

 

 

Il Progetto Vivien si è concluso ufficialmente il 31 Gennaio 2021 anche se altre attività da esso promosse continueranno nei prossimi mesi (Training settoriali in varie località, presenza a Convegni, sinergia con le attività del progetto di Carpi “Stay Safe, ecc.).

 

Qui riassumiamo alcuni dei principali risultati.

 

–→ Sintesi della conferenza Vivien.

 

Le tavole rotonde hanno evidenziato alcuni punti chiave per un miglior contrasto al fenomeno, che qui riassumiamo:

1) L’importanza di mettere a sistema tutte le buone pratiche che esistono e sono efficaci, in modo da rendere sistematico un approccio positivo alla violenza e accogliere al meglio le donne con disabilità, facendo emergere la violenza nascosta che si esercita su di loro.

2) Rafforzare ed estendere le reti contro la violenza e promuovere la nascita di analoghe reti per la prevenzione della violenza, includendo in esse rappresentanti del mondo della disabilità

3) Garantire il protagonismo delle realtà associate delle persone con disabilità e dei singoli in modo che le politiche e i servizi che le riguardano siano pieni della loro voce.

4) Sviluppare la ricerca su metodi efficaci di formazione, basati su un approccio integrale, olistico, alla persona (mente, corpo ed emozione intrecciati), con metodi dialogici, maieutici, partecipativi che valorizzino il sapere pratico dei professionisti e dei volontari.

 

 

–→ Documenti e prodotti nei 4 paesi

 

- Collection of best training paths (raccolta di percorsi formativi allo scopo di contrastare la violenza contro le donne con disabilità e linee guida per attuarli), a cura dell’Università di Parma

- Best practice (raccolta di buone pratiche europee sul contrasto alla violenza di genere contro le donne con disabilità), a cura dell’Università di Parma

- Linee guida per formare operatori in modo efficace su questa tematica, a cura dell’Università di Parma

- 5 Newsletter (che raccontano il progetto nelle sue varie fasi e contenuti)

- Video del progetto (con interviste ai partner e immagini del lavoro svolto di formazione ai professionisti)

- Video sulle buone pratiche (con interviste alle 4 best practice individuate)

- Video sui moltiplicatori (con interviste alle persone formate durante Vivien)

- registrazione del Teatro-Forum online “Le donne invisibili”

- I lunedì di Vivien (registrazione delle conversazioni su Facebook, con vari esperti sulle tematiche di Vivien, alcune in italiano e inglese).

Li potete trovare ai link qui sotto.

 

 

–→ Il progetto ha realizzato tra l'altro nei 4 paesi partner, complessivamente:

 

- 4 training multi-professionali di 60 ore con 102 professionisti partecipanti

- interviste e video sessioni con 792 professionisti, per misurare l’efficacia dei training passati e di quello Vivien

- 4 training nazionali con oltre 100 professionisti dei Centri Antiviolenza e del mondo della disabilità

- 40 training settoriali condotti dai precedenti partecipanti nelle proprie istituzioni e non solo

- 8 seminari Regionali dove si sono discusse le Linee Guida

- 3 spettacoli di Teatro-Forum online, in Italia, su storie di donne con disabilità vittime di vittimizzazione secondaria

- inoltre svariati seminari coi direttori e dirigenti dei professionisti

- un training internazionale di 4 giorni condotti dai 4 paesi partner, sulle metodologie formative

- una conferenza finale con 120 partecipanti tra professionisti, esperti, moderatori che ha dibattuto per due giorni la tematica della violenza contro le donne con disabilità e gli strumenti per contrastarla efficacemente.

 

Quasi tutti i materiali sono disponibili in italiano, inglese, finlandese, bulgaro e croato.

 

 

Per maggiori dettagli e info rimandiamo a:

- sito del progetto che permarrà da qui a 5 anni: www.vivienprojet.eu

- al profilo Facebook: https://www.facebook.com/Vivienproject

- al canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UC_XQcxfQNlev7ICLYUxqkww

 

 

Ringraziamo per la collaborazione:

- La Regione Emilia-Romagna che ha fortemente collaborato al progetto in particolare negli eventi finali

- Differenza Donna di Roma che ha contribuito a dare un valore particolare con la propria esperienza diretta sul tema

- Anziani e nonsolo di Carpi, che ha intrecciato con noi parte del percorso del loro progetto Stay Safe.

- Mondo Donna di Bologna, che ha contribuito in alcuni passaggi chiave del progetto come la Conferenza Finale

- e tutti quelli con cui siamo venuti a contatto per la partecipazione e disponibilità.

 

Il progetto è terminato ma numerosi sono i contatti avuti che ci chiedono di proseguire. Cercheremo di continuare con i mezzi che abbiamo, in quanto il problema è importante e ci ha appassionato.

Già sono previsti alcuni sviluppi in altre regioni (Friuli e Calabria a buon punto) mentre su Parma abbiamo ipotizzato un progetto "Vivien 2° step", di cui vi daremo notizia nei prossimi mesi.

 

 

 

Per contatti e altre informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sede Giolli: 0521-687142

 

In allegato una sintesi del progetto che dura 2 anni e vede coinvolti 7 partner di 4 Paesi, con Giolli capofila.

 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (Sintesi del progetto Vivien IT def.pdf)Sintesi del progetto Vivien IT def.pdf 89 kB
Download this file (summary of the project def.pdf)summary of the project def.pdf 72 kB
13° FB 1° Anno sul Teatro dell'Oppresso come “Coscientizzazione” Anno 2018-2019

 

 

           Sono aperte le iscrizioni al 13° Percorso Base sul TdO, per chi vuole approfondire il metodo e avere una visione abbastanza completa e coerente sia del metodo che delle principali tecniche.

          Come negli anni precedenti il corso potrebbe continuare con un secondo anno dove ci si sperimenta nella conduzione e si ricevono feedback.

         Il corso è organizzato sulla base della ventennale esperienza di Giolli e dei suoi conduttori e su un'impostazione aperta e critica, che privilegia la divergenza rispetto all'ortodossia, senza perdere però di vista i principi etici e quelli dell'approccio di Boal e Freire (per approfondimenti vedi il sito di Giolli, specialmente alla voce “metodo”).

Leggi tutto: 13° FB 1° Anno sul Teatro dell'Oppresso come “Coscientizzazione” Anno 2018-2019 - Apertura...